mercoledì 24 maggio 2017

Il Listone

       OK lo ammetto, sono una blogger patetica!😯😯
Una parvenza di macchina fotografica dovrebbe essere sempre con me, o dovrei de idermi a comprare uno smartphone! Invece mi porto dietro il solito telefono da 20 euro che ho da 10 anni e ne sono pure orgogliosa 😀

        Ma qual é ilmotivo di tale rimpianto?
Ebbene siamo giunti alla presentazione della quarta lista per le elezioni e qui c'é stato proprio da divertirsi. Intanto non si tratta di una lista, ma di un gruppo di 8 liste e 128 candidati 😨😨😨




       Data la mole di amici e parenti, l'auditorium non bastava per sfilare in mezzo alla folla e così si é scelto di presentare l'evento nell'anfiteatro comunale. 💖💖 Dovete sapere che l' anfiteatro é l'orgoglio del paese! Costruito diversi anni fa a imitazione del teatro greco e capace di ospitare moltissima gente. Alle sue spalle c'é una villa piuttosto grande, allestita per bambini e famiglie.

       Ecco dunque che, arrivando in zona per assistere alla presentazione dei candidati, mi trovo invece di fronte ad una festa di paese!!! Sembra quasi un pic nic in stile anglosassone, con bandierine dappertutto e stand dove vengono distribuiti volantini e santini dei magnifici 128 😂😂 Ci sono panzerotti e carne arrostita e, se guardo bene, magari potrei imbattermi in torte con pasta di zucchero 😀. Credo di no... no dai... almeno quelle non ci sono!



       Sono tutti felici, si abbracciano e si salutano, mentre io sono seduta su una pietra a scrivere questo post. I candidati fanno promesse, le first lady incontrano il popolo... i sorrisi si sprecano, i bambini giocano... é tutto molto bello 💖

       Ma dopo un'ora non é cominciato ancora niente. Nessuno parla, non si presentano programmi... Sicuramente sará fatto dopo, ma io non ci sarò, é tardi e sono annoiata e continuo a rimpiangere di non avere una macchina fotografica con me 😯😯 Me ne vado.... devo almeno fare qualche disegno ecocativo...

😀😀😀😀😀😀

martedì 23 maggio 2017

Boston Legal

         Ma quanto mi piace questa serie!!!!!

Giuro di non aver mai visto niente di più politicamente scorretto e divertente 😈😈💖💖 Non a caso in Italia è stata trasmessa e interrotta, poi ri-trasmessa e re-interrotta a più riprese !!

       Fra tutte le serie avvocatesche è quella più divertente, dissacrante e assurda! Ma nell'assurdità mette il dito nella piaga dei problemi sociali più scomodi, dei drammi della vita, della stranezza dei comportamenti umani... Insomma, bisogna vederla, ogni puntata è una sorpresa. Una cosa che non sapevo e che ho letto qui, è che fosse uno spin off di The Practice




P.S: dimenticavo di dirvi che ne sto parlando perché finalmente stanno ri-trasmettendo la serie su Giallo, canale 38. Buona Visione!!

lunedì 22 maggio 2017

La Profezia della Curandera

        Lo ammetto, ho difficoltá a parlare di questo libro di Hernan Huarache Mamani. Non so da dove cominciare, non so neanche se mi é piaciuto o meno... Rileggo la nota iniziale in cerca di un'ispirazione e qui Mamani scrive che forse lui non era la persona più adatta a parlare delle donne e della forza che la natura ha dato loro, essendo uomo, ma lo fa per l'amore e il rispetto che nutre per questi esseri.Parla di Mama Qoyllurcij, la sua maestra, che gli ha
insegnato quanto la donna andina fosse importante nella società Inca. Essa partecipava attivamente alla formazione della Tawantinsuyo, la società perfetta e contribuiva alla grandezza dell'Impero dell'Oro e dell'Argento degli Incas. Nelle Ande di 5 secoli fa c'era l'Ajllawasi, un centro dove si insegnava a capire la natura, i misteri della Pachamama ed era gestito da donne. 💖💖

        Non scrivo altro, potete capire come questa introduzione mi abbia invogliata a leggere il racconto!!! Mi sarei tuffata nei misteri degli Incas leggendo la storia di Kantu, una giovane donna innamorata ma respinta, che farà di tutto per conquistare il cuore del suo amato. E già questo discorso, per noi donne occidentali, non è tanto convincente! Non ti vuole? Scappa da altre donne quando può! e tu vuoi fare di tutto per tenertelo?! Ma lascialo andare, no?😉😈
     Supero questo ostacolo mentale per continuare a leggere la storia e mi ritrovo con Kantu a seguire gli insegnamenti di Condori per sviluppare la sua energia interiore, quella che solo le donne hanno.

Immagine presa dal web
Poi sarà educata da Mama Maru, la donna Serpente, dovrà affrontare molte prove che la porteranno alla fine del suo percorso. Non vi dico altro, solo le mie perplessità. Le prime 100 pagine del libro, tranne pochi elementi, sono un po' noiose. La scrittura è troppo semplice, a tratti banale, i dialoghi tra innamorati decisamente infelici. In seguito il testo diventa più interessante: ci sono gli insegnamenti dei curanderi, l'amore e il rispetto per la natura... Si percepisce ancora la tristezza che ha perso la sua identità succube delle mode occidentali 😔😔 Ci sono continui riferimenti ai Conquistadores, a ciò che questi gli hanno portato via! Sembra che questo dama si sia consumato poco tempo fa e non che siano passati 5 secoli! L'intensità dei sentimenti fa da contrappeso alla povertà della scrittura e si entra in una dimensione dove ciò che conta è recuperare il

Immagine presa dal web
legame con la natura, un legame reso possibile grazie alla donna e alla sua forza la quale, attraverso l'amore per l suo compagno e per i suoi figli, deve stabilire questo legame anche con loro e con tutti gli elementi che la circondano. I discorsi che la curandera fa a Kantu, sull'amore, sono molto belli, ma anche tristi perchè la avverte che, in una società così mutata, anche la vera donna, quella in contatto con la Pachamama, potrebbe essere rifiutata nonostante i suoi poteri e la sua forza.
        Non so cos'altro aggiungere, quest'opera va letta. Ripeto che non è un capolavoro letterario, ma riesce a conquistare per la sua poesia. E poi, per una che, come me, aspira a tornare ad una vita naturale semplicemente avendo la possibilità di curare un orticello, certo messaggi non possono passare inosservati 😉💖💖

Per approfondire: La profezia della curandera. A questo link, oltre a trovare il libro, potrete leggere i commenti di altri che hanno già letto quest'opera.

Qua invece il bellissimo progetto di Mamani per l'Università della Vita e della Pace

venerdì 19 maggio 2017

Si presentano i candidati!!!

     Sono un po' indietro col raccontarvi le avventure elettorali del paese (e anche col parlarvi dei libri letti), perciò comincio a rimediare.

        Dopo la presentazione dei candidati sindaco è cominciata la presentazione delle liste e degli altri candidati: ovviamente ho deciso di seguirle tutte 😉. Ora io vi invito a lasciar perdere le vostre idee politiche mentre leggete queste righe, io vi narro solo quello che vedo.
  
Immagine presa dal web
  Hanno cominciato i candidati del Mov5S in un clima di serenità e giubilo. Il gruppo è compatto, nato da pochi anni e il loro entusiasmo si percepiva..
    Durante la presentazione c'era un portavoce del Senato e una della Regione: erano convinti, determinati, hanno parlato bene e coinvolto il pubblico. Il candidato sindaco è persona molto stimata... sono stati molto chiari, l'assemblea era rapita e i complimenti si sprecavano. Eravamo in un auditorium.

La seconda presentazione si è invece svolta in piazza, a mo' di comizio, quindi con un pubblico più vasto: era una delle 2 liste civiche. Questa lista raccoglie elementi eterogenei della vecchia destra e sinistra; oramai i partiti non ci sono più e si procede a tentoni. Anche qui presentazione accorata di 2 candidati e il discorso del candidato sindaco, quindi la presentazione degli altri candidati. Il poco più che 30enne candidato sindaco è convinto di sè, si sente investito da super poteri ed è certo che riuscirà ad invertire il cammino in discesa che il paese segue da almeno un decennio. Devo dire che, personalmente, lo trovo un po' borioso, ma credo che al popolo questo atteggiamento piaccia. Intanto nella piazza c'erano i rappresentanti di altre liste che controllavano la situazione,
vedevano le reazioni dei cittadini, si incupivano per un applauso un po' troppo caloroso...😈😀... non c'è che dire, queste situazioni sono divertenti!!!Gli esponenti delle varie liste si salutavano calorosamente, le donne erano tutte agghindate, sorridenti ma acide.
       Tra tutte spiccava la belloccia dagli occhi chiari e dal naso a patata che fa la corte a uno dei vari candidati: guardava tutti di sottecchi, ma sorrideva e abbracciava calorosamente 💘 Doveva stare accorta a chi avrebbe intaccato il suo eventuale ruolo da first lady 😈
OK, avevo visto abbastanza, potevo tornare a casa!! 
Immagine presa dal web

       La terza lista che si oppone al sindaco uscente è molto simpatica. Raccoglie i discendenti della sinistra, quella che arriva dritta dritta dal PCI (che strano scrivere queste iniziali!!) Sono molto uniti e motivati e anche loro hanno presentato il loro programma e i vari candidati in auditorium. La novità della serata, per me, è stata sentir parlare il candidato sindaco: più discreto e taciturno in precedenti occasioni, ha tirato fuori una favella fuori dal comune!! E chi lo fermava più!! Decisamente è stato bravo, si sentiva la passione e il fatto che fosse molto motivato 💖

Le 3 liste sopra citate hanno in comune la voglia di cambiare, il desiderio di sbloccare il paese dal suo stallo. Da diversi anni, infatti, assistiamo a un degrado crescente, a un abbandono da parte dei giovani che non accenna a diminuire: vanno tutti via e hanno ragione! Fosse per me, scapperei anch'io, priva di qualsiasi voglia di impegnarmi politicamente o in qualche associazione meritoria. Per questo motivo guardo con simpatia a tutte e 3 le liste: non scappano, restano e combattono e per questo li stimo tutti, indistintamente 😉

giovedì 18 maggio 2017

Neve 2017: per non dimenticare!



Scrivo questo post per tenere a mente una meraviglia, la neve di quest'anno 💖




E' il 6 gennaio 2017 e, dopo vari giorni di freddo intenso, si abbatte sul paesello una nevicata stratosferica!! E chi l'ha mai vizta tanta neve!?!?




- In 80 anni di vita mai vista tanta neve! - le parole di mia madre




Ecco dunque un po' di foto per ricordare quest'evento, per tenere a mente l' avventura di un viaggetto con il figlio in mezzo alla tormenta e una scalata camminando in un metro di neve 😨😨😨




Queste sono solo le foto dalla veranda, per strada era più divertente 😍😍😍




Ma ormai é aerivato il caldo, godiamoci quello 😀😀

lunedì 15 maggio 2017

Emily Dickinson



La verità deve abbagliare gradualmente

O tutti sarebbero ciechi (E. Dickinson)

Oggi é il15 maggio e in questo giorno del 1886 muore Emily Dickinson. Poetessa intensa e illuminata che vi invito a conoscere partendo da qualche poesia da rintracciare in rete, poi ve ne innamorerete e potrete leggere di più. 💖
Tutte le poesie con testo inglese a fronte

In un gruppo Fb, Loredana Pulito la ricorda con questa poesia. La riporto anche qui perchè mi ha molto colpita molto. E' un testo metaforico, ma il richiamo al cibo e l'invito a essere parchi in un mondo di opulenza, va sempre tenuto a mente. Buona lettura 💖

"Restai insaziata tutti i miei anni.
Arrivato il pomeriggio, tremante
avvicinai il tavolo per mangiare
e assaggiai un vino strano,
quello che avevo visto sulle tavole
quando affamata – tornando a casa –
guardavo attraverso i vetri la ricchezza
che non speravo di possedere mai.
Non conobbi l’abbondanza del pane
era diversa la briciola
che avevo divisa con gli uccelli
nella sala da pranzo della natura.
Il troppo mi urta – è così insolito.
Mi sentivo a disagio, spaesata
come una bacca ai fratta montana
trapiantata sulla strada.
E non avevo fame. Allora capii
che la fame è un istinto
di chi guarda le vetrine dal di fuori.
L’entrare, la disperde"

domenica 14 maggio 2017

Leggo Mattoni!

Scrivo questo post per presentarmi, per spiegarmi, per farvi capire quali sono i criteri con cui faccio qualche considerazione su un film o un libro. Prima cosa, non sono un'esperta di niente! I film mi piacciono, leggo libri, ma quando passate da queste parti non aspettatevi un'opinione autorevole, ma

semplicemente il parere di una che, di getto, esprime un giudizio su qualcosa che ha letto o visto (e non solo, qui si pettegola anche 😈).

     Ma su cosa si basano queste opinioni?
Arriviamo così al titolo del post 😇. Dovete sapere che io, per deformazione scolastica, per interessi personali, per gli studi fatti, etc... sono una che normalmente legge i cosiddetti mattoni! Le storie non mi interessano, voglio imparare!!! quindi a un Pennac o a una Allende, preferirò sempre un Freud, un Kant, un Hoffstaedatter. Lo so, non v'interessa... ma perché lo scrivo? Solo per dirvi che, quando mi allontano dai mattoni, non disdegno le letture cretine o i film assurdi 😁😂😀. Esempio: se fossi un'esperta di cinema direi che la saga di X-Men è un'operazione di marketing, che i film non sono capolavori e robe simili. Invece, siccome ho bisogno di distrarmi, li vedo in continuazione e li adoroooooo 💖💖💖💖 Volete mettere guardare un X-Men col figlio sul divano a sgranocchiare patatine?!?!?! Per i libri il discorso è un po' 
diverso: quando decido di leggere una storia, un racconto piuttosto che un mattone, mi piace che siano scritti in maniera semplice e scorrevole. Là, però, cerco i sentimenti, le passioni, la vita, il dolore... Per spiegare meglio dire che non mi piacciono i libri come posso dire?... razionali... ecco!!! Se leggo una storia mi deve coinvolgere, non mi interessa lo stile da nobel, le lungaggini da mestiere, devo semplicemente avere il piacere di leggerla e divertirmi o piangere insieme ai protagonisti 😪

      Ci sono 2 libri in particolare, letti pochi mesi fa, che considero paradigmatici a proposito di questo discorso, non perchè siano superiori ad altri, ma perchè li ho letti insieme e, per quanto belli entrambi, rappresentano, per me, proprio l'uno lo stile passionale e l'altro quello razionale. Spero di parlarne presto nel blog e aggiungere anche qui i link 😊
     
         Buona serata a tutti e siate felici!

giovedì 4 maggio 2017

IT... prima parte


       Come ho già scritto in questo post, Stephen King è un autore che mi ha sempre incuriosita, ma di cui non avevo letto nulla fino a questo 2017. I suoi estimatori sono tantissimi, i fan sfegatati ancora di più. Su Fb c'è un gruppo di suoi accaniti lettori che mi piace molto, sono fissati senza essere ridicoli, come spesso accade per i fissati 😉. Ecco dunque che, dopo
L'ombra dello Scorpione, mi sono tuffata su un'altra sua imperdibile opera, IT.
La curiosità era accentuata dal fatto che è appena uscito il nuovo film sul terrificante pagliaccio, che di certo andrò a vedere al cinema, e vorrei arrivare a quell'appuntamento avendo prima letto il libro. 😊

            Ebbene, dopo 546 pagine sono sconvolta!!!!!
Mi sta venendo il mal di mare, non ce la faccio a proseguire. Paura? Per niente! Non sono riuscita proprio ad immedesimarmi nel terrore dei bambini. E allora, cosa? E' scritto bene, è scorrevole, si legge volentieri... quindi? Diciamolo, è lungo, lungo, lungo.... troppo lungo!!!! Certo, King è un grande narratore, descrive bene le situazioni, non è noioso in sè, ma lo diventa perchè vuole dire troppo. Una pedalata in bicicletta di Bill mi è costata 10 pagine di noia. Di una persona che non ha alcuna importanza nella storia , come un farmacista o un poliziotto incontrato per caso, l'autore ci racconta la vita, il perchè del suo carattere o delle sue frustrazioni, come mai si

la famosa pagina 546
trova da quelle parti e tu, lettore curioso, leggi, ti ingrippi, vuoi capire dove vuole andare a parare lo Zio... ma niente, quel personaggio è lì per caso, creatura di una logorrea scrittorea che non ha precedenti (e scusate l'italiano!!!)

       Ebbene, ho dunque deciso di abbandonare, per ora, questo questo testo.Ho inquadrato i personaggi, capito la situazione, riprenderò al più presto, ma almeno un mese mi sa che dovrà passare 😉

Un saluto esausto 💕, e ricordatevi  che tra qualche mese potremo vedere il film tratto da questo capolavoro.


mercoledì 3 maggio 2017

Un incontro elettorale

              La campagna elettorale ormai è iniziata!!
Da queste parti abbiamo 4 candidati sindaco di varia provenienza. 2 di loro rappresentano altrettante liste civiche; 1 è il candidato del Mov.5S e l'altro è il sindaco uscente che, pare, abbia il sostegno dei vecchi partiti ormai estinti (sia di destra, sia di sinistra) 😒

       Il 25 aprile il rappresentante di una delle 2 liste civiche organizzò un incontro tra i 4 candidati per discutere sul problema della sicurezza nel nostro paese. Ultimamente, infatti, si sono rappresentati dei problemi (tipo incendio di attività commerciali) che andrebbero risolti. 

Alle 19.30, 3 dei candidati sono presenti e pronti a cominciare. Manca il sindaco uscente, in ritardo di soli 10', ma sembrano troppi rispetto alla puntualità degli altri 😅. La sala è gremita: chi borbotta, chi saluta... cominciano le leccate ai candidati! La cosa si preannuncia divertente!! 

     Finalmente si comincia: il comandante della polizia locale fa il punto della situazione e il giornalista moderatore dà la parola a colui che ha voluto l'incontro.
Immagine presa dal web
Questi, nel suo primo intervento cronometrato, fa il punto della situazione e sottolinea gli aspetti di cui discutere nella serata. Direi che è partito bene. ! Il secondo intervento è del candidato dell'altra lista civica: attacca il sindaco su alcune spese fatte dal Comune, cerca l'approvazione del pubblico... populista... non mi è piaciuto, è anche uscito fuori tema, la mia prof. di italiano gli avrebbe messo 4. Il terzo a parlare è il sindaco, pacato, sa il fatto suo... indubbiamente ha imparato il mestiere 😉. Il candidato del Mov5S sottolinea che il problema della sicurezza è da ricercare anche e soprattutto nelle campagne, dove si sta infiltrano la Mafia, e elenca alcuni avvenimenti a sostegno della sua tesi.

   Riprendono a parlare, comincia un altro giro, ma io devo andar via. 

La gente in sala si sta scaldando, c'è chi tifa per uno o per l'altro, il mormorio diventa un vociare... peccato lasciare a questo punto. Il giorno dopo, infatti, mi hanno riferito che, al secondo giro, gli animi si sono scaldati! in particolare il sindaco in carica ha accusato il candidato 5S di avergli chiesto dei favori tempo addietro. In sala c'era movimento e si tifava per uno o per l'altro!!! Decisamente avrei voluto esserci 😁😁

         Non aggiungo altro, perché  non ho assistito di persona.
Dunque la campagna elettorale è cominciata davvero. Spero ci si diverta !!


venerdì 28 aprile 2017

Un caffè al Bar

       Il post di oggi avrebbe dovuto essere più impegnativo (mi accingevo a raccontarvi di una nuova situazione da campagna elettorale 😏), ma stamattina mi è successa una cosa che decisamente ha la precedenza. Vi prego di stare attenti che devo concentrarmi per dare la giusta intonazione ad un fatto di tale importanza 😀

immagine presa da ilcolazionista.com
       Era una mattina buia e tempestosa 
e me ne stavo infelice in quel di casa mia a spazzare e a ravanare pensierosa.

     E sciacqua di qua, aspira di là, il mio io più profondo ha deciso di ribellarsi! In un impeto di orgoglio frustrato la peccatrice che è in me ha abbandonato scopa e paletta potrebbe sembrare una metafora sessuale ma non lo è) e si è agghindata per uscire e andarsi a godere un buon caffè. Visto che non avevo fretta, sono andata al bar di Nunzio, un po' lontano da casa mia, ma il mio preferito. Avrei fatto una passeggiata e preso un espressino: il suo è il migliore 😉. Appena entrata, decisa a rimanere al bancone coi ragazzi che sono molto simpatici, scorgo sola soletta seduta a un tavolino (di quelli alti con gli sgabelli) una conoscente che mi invita ad accomodarmi con lei.

"Ciao come stai?"   "Che fai di bello?"   "Ah... il lavoro... i genitori malati..." è una persona un po' sfortunata e mi trasformo in samaritana decisa a compiere la buona azione della giornata. Mi siedo e ordino un espressino: lei ha già un caffè.

- Mi porti del miele? - chiedo a Nunzio. Ovviamente "si"
- Oddio..... il mieleeee....! - si scandalizza la sfigata
- Perchè? Che c'è che non va?
- E' dolceee.... - 

"Andiamo bene, ecco un'altra salutista" penso.

- E allora? Ci vuole!
- Nooo... io il caffè lo prendo amaro...
- E io no - premetto che non sono neanche un'amante di tale bevanda, solo cappuccino o espressino, figuriamoci se lo devo trangugiare amaro!! 😝
- No....., io non sopporto tutti quegli zuccheri, fanno male...! - i puntini sono per sottolineare il modo lagnoso in cui si esprimeva 😆
- Guarda che io non mi ingozzo di zuccheri, sto solo mettendo un po' di miele nel caffè! (espressino)
- Si ma fanno maleeee.... no, no, io non ne prendo....
- Tu fai quello che vuoi, a me piace
- Si ma.... e quelli che mangiano quei cornetti pieni di cremaaaa....
- Embè? ognuno fa quello che vuole. Stanno mica uccidendo qualcuno?!

Ha continuato un altro po' con le cantilene e alla fine le ho detto che io invece sono stufa di tutti questi moralismi sul cibo e che ognuno mangia come vuole, possibilmente nei limiti del benessere della sua salute e di quella degli altri. Io parlavo e lei mi guardava disgustata.... "si ma quel miele..." "ma gli zuccheri..."

- Siiii  ma io invece non sopporto chi mi guarda mentre mangio. Che modi sono? A te non piace il dolce, pace!
      L'ho salutata, ho pagato e me ne sono andata.
non è riuscita neanche a farmi infuriare 😊😊😊

      Mentre camminavo per strada ridevo da sola. Mi è venuta in mente un'amica che, al contrario di questa, mi offende quando NON metto lo zucchero nel cappuccino (perché nel cappuccino non ce lo metto, il latte addolcisce abbastanza!!). Lei si ingozza di cornetti dicendo quanto sono buoni e cosa mi sono persa! E allora? Se li volevo me li prendevo, non sono mica obbligata 😡 un giorno ne hai voglia, un altro no... ma robe da matti..!!!

      Conclusione di questa storia è che non ne posso più dell'argomento cibo e di tutte le fisime che si porta dietro! Godetevi quello che avete, siate parchi, cercate la qualità... ma oltre a quello siamo solo nelle fissazioni. Certo, c'è chi fa del cibo, dell'alimentazione un mestiere, chi si occupa di ristorazione e allora sì che più ne sanno e meglio è! 
       
            Ma per il resto rilassatevi....voglio solo bere in pace il mio caffè... 😊😊

martedì 25 aprile 2017

Memorie di una ragazza per bene. Simone De Beauvoir

     Non avevo ancora mai letto niente di quest'intellettuale francese, compagna di J.P Sartre e donna illuminata. Poi il mese scorso, esattamente il 16 marzo, mi trovavo alla Feltrinelli di Bari intenta a scegliere qualche libro Einaudi, visto che erano scontati del 25%.  Sugli scaffali, tra gli altri, ho visto questo di Simone de Beauvoir e l'ho preso di getto! La curiosità per l'autrice e un certo amore per le biografie mi hanno convinta. Questo libro è talmente bello che, in verità, non ci sarebbe da fare alcuna recensione, solo da gridare a gran voce Leggetelo! Ma mi sforzerò di dare qualche indicazione.

       Memorie di una ragazza per bene è il primo di 4 libri in cui S.D.Beauvoir racconta la sua vita. Ripercorre la sua esistenza partendo dai ricordi più antichi di
 quando, bambina, giocava con sua sorella e di come sia stata iniziata ai piaceri della lettura e della conoscenza da due genitori colti e alto-borghesi. Veniamo a sapere della decadenza economica della famiglia, dell'allontanamento dalle direttive intellettuali genitoriali, dell'iscrizione alla Sorbona  del suo incontro con Sartre. Nel mezzo, tormenti, primi amori, liti studio, depressione, avvilimento... tutti i  sintomi dell'adolescenza e della ricerca del proprio Io. Ma davvero, fidatevi! Di questo libro non sono importanti la trama e la storia, bensì la SCRITTURA! L'intensità del linguaggio è commovente. Senza essere prolissa o difficile, la filosofa francese spiega la sua vita, i suoi sentimenti, i suoi umori/amori attraverso una lingua semplice ma colta, profonda, non difficile. C'è una parte molto bella, nelle prime pagine, in cui l'autrice parla della sua amata tata Louise. Era buona e amorevole e, insieme ai suoi genitori, considerata voce di verità  giustizia. Ma un giorno la bambina Simone sente che la tata chiama sua madre eccentrica e un'altra volta, mentre sua madre suona e canta al pianoforte, ella afferma che canta come una gatta scorticata. Poiché la bambina non accetta che le due donne non si sopportino, la situazione viene così descritta: Mi diedi a svuotare della loro sostanza le parole i Louise: dalla sua bocca erano usciti dei suoni bizzarri, per qualche ragione che mi sfuggiva. E ancora; Non l'ascoltavo più con la stessa docilità di una volta. 
         Come si nota il linguaggio è semplice, chiaro a tutti ma profondo. C'è l'allontanamento dai giudizi e dagli insegnamenti degli adulti che fino ad allora aveva sempre accettato e lo sviluppo delle sue capacità di discernimento.

        Ora vi lascio perché ho scritto anche troppo.

Questo è un libro che va letto, non spiegato 💖💖

lunedì 24 aprile 2017

Noah e la Bibbia

       Il 17 Aprile, lunedì di Pasquetta, su Paramounth, hanno trasmesso il film Noah. Russel Crowe protagonista chiamava a questa visione! Il film, tutto sommato, si fa vedere. I soliti mirabolanti effetti speciali, la lotta tra il bene e il male... temi triti e ritriti che attirano sempre. Il fatto che sia riuscito a vederlo fino alla fine (23.45 circa) vuol dire che non era troppo indigesto o che, forse, avevo bevuto troppo caffè. Ma diciamolo... è un film che non si può guardare!!!




    Ma che storia è? Noè in contrasto con i figli, una nuora sterile, Cam che reclama una donna per sé, gli Angeli caduti che aiutano la famiglia a costruire l'Arca...  Ecco, mentre scrivo capisco perché sono riuscita a vederlo per intero: fa troppo ridere 😊😊!! Insomma, se proprio volete vederlo, dimenticate tutto ciò che vi hanno detto al catechismo. Non si tratta di essere cattolici, ebrei o altro; la storia o il mito o quello che è, non è stato rispettato. Mentre guardavo il film, vedevo cose talmente assurde che mi è venuto il dubbio di ricordare tutto male, così sono andata a controllare sul Sacro Testo.
  1. Intanto bisogna dire che Noè viene contattato dal Signore per costruire l'Arca quando ha già 500 anni e 3 figli. Il Noah guerriero impersonato da Russel Crowe non ha niente a che fare con un simile vecchietto 😏
  2. Ai suoi 600 anni scoppia il diluvio e dopo i fatidici 40 giorni di piogge incessanti , ne devono passare altri 289 prima che le acque si ritirino.
  3. Inoltre Sem, Cam e Iafet sono già belli e sposati prima del diluvio, di certo anche con prole, quindi i conflitti col padre per accaparrarsi una moglie sono altamente improbabili.

Devo dire che riprendere in mano la Bibbia per confermare o confutare questi fatti, mi ha fatto venire voglia di continuare a leggerla. Questa è una costante nella mia vita! Sin da ragazzina ricordo periodi in cui la leggevo e sottolineavo le cose che mi interessavano maggiormente.

          Se lo farò, vi terrò aggiornati su questo blog 😉


A presto

mercoledì 19 aprile 2017

L'Ombra del Bastone di Mauro Corona


Mauro Corona è un personaggio che mi ha sempre affascinata. Nelle sue apparizioni in TV viene sempre fuori la passione per la montagna, per la natura, la modestia, il rispetto per la vita essenziale, dura... Ma, nonostante conoscessi questo scrittore da diversi anni, di lui non avevo letto ancora neanche un libro!!
       Qualche giorno fa ho finito di leggere Memorie di una ragazza per bene (Simone de Beauvoir) e sarei dovuta passare a IT, per altro già iniziato. Ma avevo bisogno di una pausa da tanta intensità prima di affrontare le 1300 pagine di King 😰😰 così, visto che avevo comprato questo libro ed ero curiosa di leggerlo, ho cominciato a farlo e non mi sono fermata finché non l'ho finito. Ma quanto è bello?!?!?!

Mauro Corona si trova nella sua bottega di intagliatore quando viene un uomo a fargli visita. Chiede se è lui lo scrittore-, gli deve dare un manoscritto che ha ritrovato sepolto in una vecchia stalla di famiglia. Il diario è rovinato e si legge male, ma abbastanza per poter ricostruire la storia di Zino Corona, dei suoi amori, della vita dura di montagna... Una storia di morte e di magia che ci porta indietro nel tempo in un'epoca e in una terra dove sopravvivere è soffrire. Di questa storia non anticipo niente, voglio solo tenere a mente 2 aspetti che ritengo importanti poiché caratterizzano il racconto e sento molto presenti anche nella mia vita:


1. La storia è ambientata a Erto, nella valle del Vajont e la natura selvaggia fa da sfondo a tutto il racconto. C'è in questo libro un legame fortissimo con la terra, con la vita dura della montagna, un senso di appartenenza ai propri luoghi che ormai stanno abbandonando l'animo umano. La terra è madre, anche e dura e i suoi figli la conoscono, la amano e la rispettano in quanto tale. C'è un legame tra le cose e le persone, tra la morte e la vita, è spirito, è magia....

2. Il linguaggio di questo libro è scarno, essenziale. Le cose sono dette nella loro rudezza, ma proprio per questo sono poetiche e intense. E' la lingua di un uomo nato a fine '800, che compirà il suo destino negli anni '20. La miseria e l'ignoranza fanno cogliere l'essenza della vita e questa si traduce in una lingua povera ma toccante. Mi ha fatto venire in mente quando, da bambina, sentivo parlare le mie cugine tedesche nel loro italiano fatto di poche parole. La mancanza di un ricco vocabolario le faceva esprimere in una lingua poetica e che coglieva nel segno, non spiegava ma diceva.

      Buona serata e buone letture 😘

lunedì 17 aprile 2017

Appaloosa


     Un cattivissimo Jeremy Irons (Randall Bragg nel film) uccide uno sceriffo e i suoi uomini che sono andati ad arrestare alcuni suoi scagnozzi che hanno ucciso 2 brave persone di Appaloosa. Arrivano i nostri eroi,( Ed Harris e Viggo Mortensen, rispettivamente Virgil Cole e Everett Hitch), ingaggiati dai cittadini per riportare la pace nel villaggio. Sono 2 mercenari professionisti specializzati nel far rispettare la legge. Nominati rispettivamente sceriffo e vice-sceriffo riescono ad arrestare Bragg (Irons) e a farlo condannare all'impiccagione. Ma, mentre i 2 accompagnano il pregiudicato in un altro carcere, questi viene liberato da 2 fratelli pistoleros che lo barattano con la fidanzata di Virgil, rapita proprio per effettuare lo scambio. Mi fermo qui con la trama, volutamente striminzita per non rovinarvi la sorpresa (qui maggiori dettagli), ma continuo con qualche considerazione:




  1. Il film è bello. Un western classico con attori molto bravi, da vedere.
  2. I temi trattati molto interessanti: la giustizia e come conseguirla, i metodi per farlo. Siamo in Messico e la Nazione sta nascendo, non si capisce bene chi giudica e chi viene giudicato e chi è che detta le leggi?
  3. Il legame di amicizia tra i 2 protagonisti è la parte più bella per me. La stima, il rispetto, la fiducia incondizionata l'uno nell'altro che porterà uno a difendere l'onore dell'altro
  4. L'amore. Esiste? E' una finzione? E' una situazione di comodo? La povera vedova di cui si innamora Virgil è in realtà interessata al rapporto con un uomo di potere e lo tradirà allegramente. Ma lui continuerà a volerla con se per... per.. perché? Vuole fermarsi? Vuole tranquillità? E' troppo innamorato?
Uomini, rispondete voi se ci riuscite che io, il trionfo delle oche giulive, ancora non riesco a spiegarmelo 😈😈😇😇




domenica 16 aprile 2017

Pasqua 2017 a reti unificate

       Il pranzo pasquale é finito da un po'. É stata una giornata tranquilla, pochi ma buoni 😀Siamo stagi a casa della suocera di mio fratello che é una signora molto gentile e disponibile

          Grazie di tutto Santina! Sei sempre molto ospitale 😉




      Qui sopra una parte dei dolci: in basso mini scarcelle, salendo langaroli e ovette pasquali e in alto dolci di mandorle




      Io ho portato un casatiello (in alto) e i langaroli, le cui ricette pubblicherò al più presto.

        Spero sia stata una felice Pasqua per tutti voi 😇

mercoledì 12 aprile 2017

Consigli letterari

      Qualche giorno fa sono andata in libreria e c'erano un bel po' di libri in offerta! 2 volumi a 15 euro. Sono per lo più libri Mondadori e Rizzoli e i titoli mi hanno incuriosita. Come potete capire quindi, più che di consigli letterari si tratta di consigli di acquisti visto che non li ho ancora letti 😀😉




      Ma mi sono informata per voi ed eccovi qualche indicazione, almeno sui libri che ho comprato io... ma ci sono molti altri titoli.

Di Mauro Corona non ho letto ancora neanche un libro, ma so che è un autore molto apprezzato, quindi ho comprato questo libro per cominciare a conoscerlo. Su questa pagina Amazon molti commenti all'opera, per lo più positivi 😊








La storia di una donna di Cuzco che deve conquistare l'uomo che ama. Mi piacciono i libri che ci parlano di altri popoli, perciò ho comprato quest'opera.
Ma i pareri dei lettori sono molto contrastanti. Vedere qui

E che dire di Agatha Christie? Non ha certo bisogno di presentazioni! Quindi con questo libro sono andata sul sicuro.Ovviamente i pareri sono tutti favorevoli😉, potete leggerli qui 










I film sulle vicende di Jason Bourne, mi piacciono tutti!!! Thriller  
 davvero ben congegnati!!! Quindi, quando ho visto il quarto libro della saga, non ho voluto farmelo scappare. Anche in questo caso ho cercato qui un po' di pareri 









E poi c'è Ken Follet!!! Non vorremo mica dubitare di lui!!! Quindi anche questo libro andava preso e per fortuna i pareri su questa lettura sono unanimi











E poi c'è il cacciatore di Aquiloni, altro libro che non ha bisogno di presentazioni... Insomma, ho fatto un po' di scorte per le belle giornate.


Spero di esservi stata utile


Un caro saluto a tutti 😉

sabato 8 aprile 2017

Campagna Elettorale



- Toc Toc...!
- ??????
- Driiinn... Driiin...!!
- ??????

Ma...ma... Co 'sta pioggia e co 'sto vento
                 Chi è che bussa a 'sto Convento

Ore 15.00 di un giorno qualsiasi. Le normali attività di lavaggio piatti e aiuto-compiti-del-figlio sono interrotte da qualcuno che sta per sfondare la porta
  • Sarà la vicina di casa alla quale è finito il prezzemolo?
  • Sarà forse successo qualcosa a mia madre e mi vengono a chiamare urgentemente?
Il battito del cuore mi si ferma😨, vado pian piano alla porta e osservo dallo spioncino: tre persone con cartellette in mano non meglio identificate. Saranno Testimoni di Geova. Mi allontano discretamente dalla porta e riprendo le mie attività in silenzio. Che strano però... a quell'ora...
 
Dopo una mezz'ora esco dalla cucina e vedo che sotto la porta di ingresso è stato lasciato un foglio. Lo prendo e.... non ci posso credere!!!! Un volantino di campagna elettorale con sopra stampata la faccia di uno dei 4 candidati sindaci.

         Ma che davvero??!?!?!?!?!?

Mi sembrava strano che fossero testimoni di Geova (persino loro sono rispettosi degli orari familiari 😂), ma mai avrei immaginato che combriccole politiche si organizzassero con il porta-a-porta. Va bene comunicare con la gente, esporre le proprie idee, ma fatelo nelle piazze, fermate la gente per strada... a casa decisamente no!

        Questo fatto è accaduto circa 10 giorni fa.
Ora io mi domando: le elezioni saranno l' 11 giugno, è possibile che già 3 mesi prima dobbiamo subire le pressioni degli aspiranti politici? Unica cosa positiva, per il momento, è la ristrutturazione delle strade ad opera della Giunta uscente. Camion carichi di asfalto che girano per il paese spianando e assestando, appestando l'aria con gli olezzi più nauseabondi, ma rimettendo a posto strade piene di buche profonde come caverne. Anche questo un modo per fare campagna elettorale 😈😇, ma per ora va bene. Almeno torneremo a circolare tranquillamente 😏

        Ba... 3 mesi sono lunghi, vi terrò aggiornati 😉

mercoledì 5 aprile 2017

Don Jon

      Giovedì sera (30 Marzo) ho visto questo bel film su Rai Premium, molto più profondo di quanto possa sembrare a un primo approccio. Come ho già detto per il libro Storia di un corpo, questo film usa un linguaggio da maschi e penso possa essere sgradito a un certo pubblico femminile. A me è piaciuto ma io, si sa, sono un maschio mancato. E' la storia di un giovanotto italo-americano (palestrato e belloccio) che passa le sue serate libere con amici, nei locali, a rimorchiare fanciulle avvenenti. Ma, nonostante abbia piuttosto successo, lui preferisce guardare film porno: niente può dargli le stesse sensazioni di quella visione! E qua devo già dire quanto sia fatto bene il film, visto che mi sono immedesimata col protagonista e gli davo ragione: quelle sciacquette non servono a niente!! 😈😈  Le donne di quei film sono a sua completa disposizione e fanno qualsiasi cosa senza per questo far scattare meccanismi sentimentali.






      Una sera il baldo giovanotto (un bravissimo Joseph Gordon-Lewit, anche regista) vede la ragazza da 10, perfetta (la solita Scarlett Johansson 😀) e, nonostante lei non sia facile al sesso, decide di conquistarla. Ma è costretto a presentarle gli amici e a portarla in famiglia e finalmente, quando arriva il momento di fare sesso, anche lei è una delusione! Niente a vedere con le ragazze dei porno!! 

      Il film è molto esplicito e racconta con durezza l'attaccamento alle idee che ci siamo fatti sulle cose della vita: per lui l'inseguimento della perfezione sessuale attraverso donne che debbano compiacerlo in tutto; per lei la voglia di sposarsi, di trovare un marito che assecondi i suoi capricci. La storia è raccontata da un punto di vista maschile e la redenzione arriverà quando incontrerà chi (Julianne Moore) gli farà capire quanto sia finta la vita che vive o cerca, mentre ciò che importante è lo scambio, l'intesa, il perdersi nell'altro.... A quel punto anche il sesso avrà un altro valore, non solo performance perfetta.

        Film molto bello, niente da dire.
Unica nota negativa, l'onnipresente Scarlett 😜 molto bella, molto brava ma... non ce ne sono più attrici a Hollywood

lunedì 3 aprile 2017

La Parte più Tenera di Ruth Reichl

        Nella primavera del 2015 il Corriere della Sera pubblicò una collana di libri intitolata Storie di Cucina. Non si trattava di libri di cucina ma di romanzi con storie culinarie di vario genere: biografie, novelle, saggi... Non li ho comprati tutti e, di quelli letti, alcuni non mi sono piaciuti per niente, altri li ho graditi, altri sono dei veri capolavori! Spero di riuscire a parlarvi di tutti in questi mesi, così avrete a disposizione qualche consiglio di lettura per l'estate 😃

    Il primo libro della serie è molto ma molto carino! Non un capolavoro, badate bene, ma decisamente godibile. Lo ha scritto Ruth Reichl e racconta la sua vita attraverso l'amore per il cibo e il piacere di cucinare. Non poteva essere altrimenti visto che la signora è stata direttore della rivista Gourmet e food editor del NewYork Times e del Los Angeles Times, nonché autrice di alcuni programmi televisivi culinari.

       In questo libro riviviamo la sua infanzia con una madre stramba e pasticciona; le giornate passate da zia Birdie e con la cuoca Alice, caraibica ed esperta nel preparare mele al forno; gli anni al collegio e le vacanze da un'amica con genitori francesi che la
iniziano all'alta cucina... La seguiamo negli studi e la troviamo in una comune in California a gestire uno strampalato ristorante. La fama della sua bravura in cucina comincia a diffondersi fino a portarla ai vertici del giornalismo gastronomico. Per ogni capitolo c'è almeno una ricetta legata ai suoi ricordi, tutte fattibili e gustose.

                                                  La parte più tenera



Io a suo tempo provai questa ricetta




Tarte di Lamponi alla Oléro
Per la frolla
180 g fafina setacciata
  50 g zucchero
120 gr burro
  2 cucchiai panna
  1 tuorlo
  • Mettete i primi tre ingredienti e intridete la farina col burro come si fa normalmente per una frolla, cioé strofinando con le dita
  • Aggiungete il tuorlo e la panna e date compattezza all'impasto. Fate riposare in frigo per almeno 3 ore
  • Girate la pasta fuori dal frigo e stendetela in una teglia di 20/22 cm, copritela con carta forno e fagioli e cuocete in forno a 180 ° per 20'
  • Togliete i fagioli e cuocete per altri 10'



        A questo punto bisognava mettere nella frolla la crema frangipane, i lamponi e via in forno!!

        Io non ho fatto la crema, perciò ho cosparso con qualche cucchiaio di marmellata di fragole, ho ricoperto di lamponi e via, in forno per 10'!!!

        L'ho trovata ottima, anche se io sono di parte perché adoro i lamponi e il loro gusto acidulo, tanto che non l'ho neanche cosparsa di zucchero come molti avrebbero preferito ;)

              Buonissima con lo yogurt greco ;)))

mercoledì 29 marzo 2017

X-FILES e la memoria

        Quanti di voi sono stati appassionati di questa serie televisiva?

Tra i miei amici non ricordo nessuno in particolare, eppure X-Files è un vero cult!! Dopo anni lo sto rivedendo ed è sempre molto bello. Su Rai 4 ogni pomeriggio verso le 17.00, anche se mi sembra che abbiano cambiato l'orario, forse comincia più tardi.

        Il programma cominciò ad essere trasmesso negli States nel 1993, qui in Italia nel 1994. Io ero ancora all'Università ed ero una vera maniaca cinematografica, vedevo di tutto, di notte e di giorno!! X-Files lo trasmettevano su Italia1, il sabato, se non ricordo male, in seconda serata




      Come dimenticare quelle serate al buio (per creare l'atmosfera) a guardare storie di mostri, alieni, scarafaggi assassini e licantropi in cui Mulder e Scully si muovevano a loro agio...? A guardarle ora, quelle puntate non sono così terrorizzanti, ma allora l'atmosfera e l'età facevano la differenza ;)))

      Un viaggio negli abissi della mente umana che vale sempre la pena vedere!

martedì 28 marzo 2017

Storia di un corpo di Daniel Pennac

          Daniel Pennac è famoso per aver creato la saga del signor Malaussène, di professione capro espiatorio. Quando mio fratello, forse più di 20 anni fa, portòa casa Il Paradiso degli orchi ci divertimmo tutti come matti!!! Ovviamente seguirono La Fata Carabina e La Prosivendola, ma al quarto libro della saga ero già annoiata e credo di non aver neanche finito di leggerlo.


     Così, di Pennac, non ho più letto nulla. Lui, ovviamente, ha pubblicato ancora, ma io non mi sono più interessata. A parte la fine dell'interesse per Malaussène, a un certo punto non mi ha interessata più Pennac, presumo perché volevo passare ad altro, a un altro stile. Poi l'anno scorso, a fine estate, Feltrinelli fa una promozione interessante (ne ho già parlato qui) e tra i libri che compro c'è anche la Storia di un corpo (2012) di Daniel Pennac.   Ho cominciato a leggerlo qualche giorno fa e fra 20 pagine lo finirò.

      Il libro mi è piaciuto subito! Vediamo di che parla
Un ragazzino di 12 anni vive con la dispotica madre, il fratello immaginario e la tata Violette. Inizia a scrivere il diario per combattere le sue paure, per capire il suo corpo. Così, attraverso gli scontri con la madre, l'affetto per Violette, la debolezza fisica.... cominceremo a conoscere quest'uomo di cui non sapremo mai il nome. Lo vedremo crescere e andare in guerra (la prima guerra mondiale), innamorarsi, creare una famiglia, fare carriera (ma non sapremo mai qual è il suo lavoro) e, a poco a poco, invecchiare. Il tutto descritto attraverso le sensazioni e i cambiamenti del suo corpo. La trovata narrativa è bellissima, lo stile goliardico e "da maschi" . Mi è capitato, infatti, di leggere commenti su questo libro fatti nei vari gruppi Fb e ho

notato che, in generale, alle donne non piace. Perché? Presumo perché in molti punti si parla proprio di funzioni corporali, per giunta spiegate da un uomo, con un'immediatezza tipicamente maschile :DDD Vi risparmio i particolari, DOVETE leggerlo! Detto questo bisogna aggiungere che, a uno stile goliardico e a tratti sboccato, se ne aggiunge uno poetico e struggente. Le sofferenze della vita, i dolori dell'anima e del corpo, la perdita delle persone care, la depressione.

        Molto toccante tutta l'ultima parte sulla vecchiaia, i primi malori seri, il decadimento del corpo, l'incapacità sessuale... la parola è ironica, lo stile drammatico. Credo che, chi dice di non aver apprezzato questo libro, lo faccia proprio perché ci sbatte in faccia la nostra caducità, la nostra pochezza.... Io l'ho trovato meraviglioso proprio per questo.

              Un caro saluto!

sabato 25 marzo 2017

Primavera

       Ero e sono molto entusiasta di questo nuovo blog, ma la primavera incombe, i pollini pure, gli occhi gonfi, li starnuti e le coperte da smantellare!! Gli armadi da svuotare e i vestiti da lavare! ;D




         E dunque, buon inizio Primavera!




       Ci vediamo fra qualche giorno ;)

venerdì 17 marzo 2017

Sostiene Pereira

       Sostiene Pereira è un libro di Antonio Tabucchi del 1994. Vincitore di tanti premi letterari e molto amato dai lettori. Io l'ho letto solo quest'anno e ne sono rimasta delusa. Mi sono chiesta se magari avessi aspettative troppo alte a proposito di questo racconto e ho concluso che non è stato quello il motivo del mio malcontento. E allora, perché questa delusione?

     
        Il signor Pereira è direttore della pagina culturale del Lisboa, conduce una vita indolente e senza aspettative, mangia male ed è grasso. Un giorno conosce un giovane appena laureato, Francesco Monteiro Rossi che gli chiede di scrivere qualche articolo per il giornale, per poter guadagnare qualcosa e Pereira accetta, anche se non pubblicherà mai i suoi articoli (necrologi di grandi uomini) perché hanno un taglio troppo rivoluzionario o sovversivo. Pereira si troverà a lottare tra il coinvolgimento che aumenta sempre più con le idee del giovane (siamo nell'Europa franchista e le cose devono cambiare) e la voglia di condurre gli ultimi anni della sua vita in maniera pacifica, senza immischiarsi in guai alcuni. La lettura è pacata, serena, come lo sono le giornate di Pereira che mangia omelettes, cammina, va al giornale, traduce Balzac... e per questo il libro è piacevole. I capitoli sono di 4, 6 pagine e si leggono subito, si saltella soavemente nel linguaggio erudito di Tabucchi.

        Nonostante ciò, il libro non mi ha convinta. Pur essendo una lettura che consiglio perché credo che possa piacere o meno a seconda dell'umore del lettore, ciò nonostante io ne sono uscita abbastanza annoiata. Sarà che Pereira è un uomo sulla via del tramonto che cerca e ottiene un riscatto dalla vita, sarà che io non ho ancora buttato la spugna e/o le idee della giovinezza... ebbene, questo racconto non mi ha convinta. Se lo leggete o lo avete letto potrete dirmi la vostra.

                               Alla prossima!!