Passa ai contenuti principali

Un caffè al Bar

       Il post di oggi avrebbe dovuto essere più impegnativo (mi accingevo a raccontarvi di una nuova situazione da campagna elettorale 😏), ma stamattina mi è successa una cosa che decisamente ha la precedenza. Vi prego di stare attenti che devo concentrarmi per dare la giusta intonazione ad un fatto di tale importanza 😀

immagine presa da ilcolazionista.com
       Era una mattina buia e tempestosa 
e me ne stavo infelice in quel di casa mia a spazzare e a ravanare pensierosa.

     E sciacqua di qua, aspira di là, il mio io più profondo ha deciso di ribellarsi! In un impeto di orgoglio frustrato la peccatrice che è in me ha abbandonato scopa e paletta potrebbe sembrare una metafora sessuale ma non lo è) e si è agghindata per uscire e andarsi a godere un buon caffè. Visto che non avevo fretta, sono andata al bar di Nunzio, un po' lontano da casa mia, ma il mio preferito. Avrei fatto una passeggiata e preso un espressino: il suo è il migliore 😉. Appena entrata, decisa a rimanere al bancone coi ragazzi che sono molto simpatici, scorgo sola soletta seduta a un tavolino (di quelli alti con gli sgabelli) una conoscente che mi invita ad accomodarmi con lei.

"Ciao come stai?"   "Che fai di bello?"   "Ah... il lavoro... i genitori malati..." è una persona un po' sfortunata e mi trasformo in samaritana decisa a compiere la buona azione della giornata. Mi siedo e ordino un espressino: lei ha già un caffè.

- Mi porti del miele? - chiedo a Nunzio. Ovviamente "si"
- Oddio..... il mieleeee....! - si scandalizza la sfigata
- Perchè? Che c'è che non va?
- E' dolceee.... - 

"Andiamo bene, ecco un'altra salutista" penso.

- E allora? Ci vuole!
- Nooo... io il caffè lo prendo amaro...
- E io no - premetto che non sono neanche un'amante di tale bevanda, solo cappuccino o espressino, figuriamoci se lo devo trangugiare amaro!! 😝
- No....., io non sopporto tutti quegli zuccheri, fanno male...! - i puntini sono per sottolineare il modo lagnoso in cui si esprimeva 😆
- Guarda che io non mi ingozzo di zuccheri, sto solo mettendo un po' di miele nel caffè! (espressino)
- Si ma fanno maleeee.... no, no, io non ne prendo....
- Tu fai quello che vuoi, a me piace
- Si ma.... e quelli che mangiano quei cornetti pieni di cremaaaa....
- Embè? ognuno fa quello che vuole. Stanno mica uccidendo qualcuno?!

Ha continuato un altro po' con le cantilene e alla fine le ho detto che io invece sono stufa di tutti questi moralismi sul cibo e che ognuno mangia come vuole, possibilmente nei limiti del benessere della sua salute e di quella degli altri. Io parlavo e lei mi guardava disgustata.... "si ma quel miele..." "ma gli zuccheri..."

- Siiii  ma io invece non sopporto chi mi guarda mentre mangio. Che modi sono? A te non piace il dolce, pace!
      L'ho salutata, ho pagato e me ne sono andata.
non è riuscita neanche a farmi infuriare 😊😊😊

      Mentre camminavo per strada ridevo da sola. Mi è venuta in mente un'amica che, al contrario di questa, mi offende quando NON metto lo zucchero nel cappuccino (perché nel cappuccino non ce lo metto, il latte addolcisce abbastanza!!). Lei si ingozza di cornetti dicendo quanto sono buoni e cosa mi sono persa! E allora? Se li volevo me li prendevo, non sono mica obbligata 😡 un giorno ne hai voglia, un altro no... ma robe da matti..!!!

      Conclusione di questa storia è che non ne posso più dell'argomento cibo e di tutte le fisime che si porta dietro! Godetevi quello che avete, siate parchi, cercate la qualità... ma oltre a quello siamo solo nelle fissazioni. Certo, c'è chi fa del cibo, dell'alimentazione un mestiere, chi si occupa di ristorazione e allora sì che più ne sanno e meglio è! 
       
            Ma per il resto rilassatevi....voglio solo bere in pace il mio caffè... 😊😊

Commenti

  1. Ma per forza quella è sfigata: se le tira addosso!
    E a proposito di cibo, sono stufa di leggere dappertutto- giornali,vetrine, pubblicità- : vegano, senza glutine, senza olio di palma, senza questo e senza quello...Mi fa sentire a disagio come fossi anormale, visto che continuo a mangiare di tutto come ho sempre fatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava Daniela! sulla sfiga concordo con te, se le tira ;)

      Elimina
  2. In quanto a libri, ho pensato di segnalarti- a meno che tu non lo conosca già- questo: " Verde acqua " di Marisa Madieri, moglie di Magris. Racconta una realtà di cui normalmente si sa poco: l'esodo istriano. E' un bel libretto, interessante.
    Se poi- sempre che tu non l'abbia già letto- vuoi conoscere il mondo delle nostre terre di confine, leggi "Materada"di Tomizza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della segnalazione!! per ora ne ho un bel po' da leggere, ma questi mi incuriosiscono :D

      Elimina
  3. Io ti avrei detto la stessa cosa. Ma solo perché il miele mi fa schifo XD
    Hai ragione, basta con ste paranoie sul cibo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah... Miki!!! Se mi avesse criticato solo il miele, posso capire, ma rispetto a quello che ho scritto ha continuato per un bel po', purtroppo :((

      Elimina
  4. ..che poi il miele è un dolcificante sano, e chi non sopporta gli zuccheri dovrebbe elogiarne chi ne fa uso.. la tua amica è schizzatissima invece.. meglio se continuavi a scopare (senza allusioni..) e sciacquettare per casa... :) p.s. io uso zucchero di canna anche.. chissà che filippica mi lancerebbe la tua amica!! ahahah

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IT... prima parte

Come ho già scritto inquesto post, Stephen King è un autore che mi ha sempre incuriosita, ma di cui non avevo letto nulla fino a questo 2017. I suoi estimatori sono tantissimi, i fan sfegatati ancora di più. Su Fb c'è un gruppo di suoi accaniti lettori che mi piace molto, sono fissati senza essere ridicoli, come spesso accade per i fissati 😉. Ecco dunque che, dopo L'ombra dello Scorpione,mi sono tuffata su un'altra sua imperdibile opera, IT. La curiosità era accentuata dal fatto che è appena uscito il nuovo film sul terrificante pagliaccio, che di certo andrò a vedere al cinema, e vorrei arrivare a quell'appuntamento avendo prima letto il libro. 😊
            Ebbene, dopo 546 pagine sono sconvolta!!!!! Mi sta venendo il mal di mare, non ce la faccio a proseguire. Paura? Per niente! Non sono riuscita proprio ad immedesimarmi nel terrore dei bambini. E allora, cosa? E' scritto bene, è scorrevole, si legge volentieri... quindi? Diciamolo, è lungo, lungo, lung…

Ripper e Dupin

Ho scoperto Isabel Allende una quindicina di anni fa con Afrodita. Per un'amante della cucina e del bel vivere, leggere quel libro è un'esperienza da fare. Ovviamente la conoscevo già, ma di lei non avevo letto ancora niente. Dopo quel romanzo ne ho letti altri 3 o 4 cioè quelli in cui lei scrive prendendo spunto dalla sua vita, poi niente, avevo esaurito l'interesse per questa scrittrice. Qualche mese fa, era ancora estate, alla Feltrinelli di Bari, ho visto che proprio l'Universale Economica Feltrinelli, vendeva 2 libri al prezzo di Euro  9.90, un'offerta imperdibile!!! Comprai una decina di libri e, tra questi, anche Il Gioco di Ripperdella Allende: ero curiosa di leggere un'altra sua opera! Ebbene, mai scelta fu più infelice!!! Certo, il romanzo è scritto bene, alcune parti sono davvero piacevoli, ma ci sono davvero troppe cose che non vanno. Intanto, molto brevemente la trama: a San Francisco c'è una serie di omicidi su cui indaga l'ispett…

Orgoglio e Pregiudizio, Jane Austen

Ebbene lo ammetto, sono innamorata di Darcy!! 
Ehh... si, perché il vero miracolo effettuato da questo romanzo è il farci credere che esiste un uomo del genere, l'uomo perfetto proprio!
        Ma andiamo con ordine. Se avevo amato Ragione e Sentimento,Orgoglio e Pregidizio l'ho letteralmente adorato, a partire dall 'incipit e dalle prime pagine in cui Mrs. Bennet invita il marito a presentarsi a casa di Mr. Bingley, il nuovo giovane e ricco vicino, il quale potrebbe essere un ottimo marito per una delle loro 5 figlie 😀😀. E qui il primo capolavoro della Austen, la creazione di una tal figura comica come si presenterá per tutto il libro la signora Bennet. Poi c'é il sarcasmo del signor Bennet, la caratterizzazione delle 5 figlie e tutta una sarabanda di personaggi incastonati a perfezione in una trama degli equivoci che si svelerá alla fine. E, sopra tutti, l'amore tra Darcy ed Elisabeth, le incomprensioni dovute all'orgoglio di lui (superiore per ricchezza e…